Dentizione: 5 consigli per affrontare al meglio

“Dottore dottore! A mio figlio stanno uscendo i primi dentini, sembra draculino! Cosa devo fare?! Non vorrei si cariassero subito!”

“Signora l’importante che sia figlio di suo marito!”

Cosa c’è di più tenero di un bambino che ti sorride con i suoi piccoli dentini? Il primo dente da latte è sempre un grande evento per i genitori, ammettiamolo: vederli spuntare riempie tutti quanti di orgoglio e felicità. I denti da latte o temporanei fanno parte dei primi cambiamenti nella vita del neonato e il loro arrivo può causare molti problemi ai genitori.

Per avere una bella e sana dentatura da adulti è importantissimo iniziare ad applicare buone pratiche di igiene e cura sin dai primissimi anni di età. Insegnare subito ai bambini a pulire i propri dentini, a mangiare i giusti alimenti e ad andare dal dentista senza problemi e paure, significa impostare delle ottime abitudini per le quali vi ringrazierà da adulto.

1 – Igiene e pulizia sin dal primo dentino

Sfatiamo subito il falso mito che i denti da latte non vanno lavati, è assolutamente vero il contrario.

Durante i primi mesi, quando il bimbo viene ancora allattato ed i dentini son pochi possono essere puliti con una garza di cotone bagnata, successivamente insegnate subito ai piccoli ad usare lo spazzolino, scegliendone uno specifico con la testina piccola e le setole di media durezza.

I denti vanno puliti tre volte al giorno, dopo i pasti, con un movimento dall’alto verso il basso per l’arcata superiore e dal basso verso l’alto per quella inferiore. Un pochino di dentifricio, scelto fra quelli appositi dal sapore gradevole, aiuterà l’operazione.

2 – Mangiare bene e sano

Consumare di frequente cibi e bevande ricchi di zucchero, oltre a non essere una abitudine salutare in termini generali, rappresenta la più importante causa di carie.

Abituiamo quindi i bimbi a limitare al massimo i dolciumi e le bibite gassate, a bere invece molta acqua e ad apprezzare le merende a base di alimenti salutari.

3 – Attenzione alla fase di cambio dei denti

All’incirca verso i sei anni inizia il difficile periodo della dentizione mista, quando cadono i primi dentini da latte e vengono sostituiti dai permanenti.

È questo un momento in cui bisogna fare particolare attenzione, infatti i nuovi denti permanenti non sono ancora del tutto maturi e sono quindi molto esposti al rischio carie. La discontinuità fra denti da latte e permanenti, diversi per forma e dimensione rende inoltre difficile la pulizia. Sarà bene quindi controllare spesso i denti verificando che non ci siano macchie sintomo di carie ed iniziare le visite di controllo dal dentista.

 

4 – Conoscere presto il dentista

L’importanza della prevenzione e della cura dei bambini ha spinto molti professionisti a specializzarsi in questa particolare branca dell’odontoiatria che prende il nome di pedodonzia.

Il dentista specializzato si rivolge al piccolo paziente con un approccio molto amichevole e giocoso, gli insegna a familiarizzare con le attrezzature e lo fa sentire sereno, rilassato e partecipativo. I denti vengono controllati scrupolosamente per curare tempestivamente eventuali piccole lesioni cariose che possono essere prevenute con applicazioni di fluoro e con la sigillazione dei solchi dentali. Un altro aspetto importante che il dentista controlla e che non vi siano alterazioni nel corretto accrescimento delle ossa mandibolari o altre anomalie che richiedano l’intervento dell’ortodonzista.

 

5 – Togliere il ciuccio fra i 2 ed i 3 anni

L'allontanamento del ciuccio non è un passo facile per nessuno, come il momento di togliere i pannolino. Il bambino viene privato, infatti, di una sicurezza a cui fare riferimento e, per questo, reagisce in maniera strana.

Per i bambini il ciuccio non è soltanto un oggetto; è piuttosto un 'amico' a cui rivolgersi in situazioni particolari: quando la mamma non c'è, quando comincia l'asilo, quando ha paura, quando si sente solo, ecc. In pratica, il ciuccio è per il bimbo un modo di trovare sicurezza nei momenti critici della vita ed è per questo che è così difficile disfarsene.

Sebbene il ciuccio sia un elemento importante per i bambini, è anche vero che può provocare problemi all'arcata dentale e al palato, quindi è bene non esagerare con il suo utilizzo. Inoltre, l'abbandono del ciuccio è uno dei primi grandi passi verso la sicurezza che i bambino acquisterà durante la sua vita. Potrebbe essere utile associare all'abbandono del succhiotto una sorta di 'rituale', in modo da rendere più accettabile il distacco.

Per qualsiasi problema, non esitare a contattarci. Risponderemo al più presto per trovare una soluzione.